IL PRETE PIETRIFICATO

La seconda leggenda si riferisce ad un episodio realmente accaduto in cui realtà e fantasia si si confondono in un tutt’uno. Cecco d’Ascoli, studioso delle più svariate discipline, dall’astrologia all’astronomia all’chimica. Scienziato e scrittore contemporaneo di Dante (contro il quale fu aspramente polemico), professore all’Università di Bologna, nel 1327 venne accusato di strgoneria e condannato a morte.

Mentre veniva portato al rogo fuori delle mura, come era consuetudine per le condanne a morte, il povero Cecco transitò accanto alla chiesa di Santa Maria Maggiore.

Il prete della chiesa, affacciatosi da una finestrella del vecchio campanile, notò che il condannato aveva chiesto dell’acqua da bere alle guardie del Bargello che lo accompagnavano nel suo ultimo cammino; convinto che Cecco avesse stretto un patto con il diavolo e considerando il fatto che stava per essere arso vivo, il prete gridò ai soldati: “se berrà l’acqua non morrà mai” e Cecco d’Ascoli guardando verso di lui stizzito gli rispose: “e di costì il capo più non toglierai” …ed il prete rimase pietrificato alla finestra!

® Copyright 2019 di: affittibreviafirenze.com
Le foto, i video e il testo pubblicati in questo blog sono di proprietà di: affittibreviafirenze.com, pertanto, è vietato copiare e fare riproduzione NON autorizzata. Gradiremo l’autorizzazione per qualsiasi tipo di utilizzo online e offline.

Lascia un commento

Booking online by Hotel.BB
it_ITItalian
it_ITItalian