IL PAPA LAMPO

Lo splendido palazzoCorsi Salviati di Via Tornabuoni, attualmente sede della Banca Intesa (già Commerciale Italiana), nasconde al suo interno una serie di curiosità per lo più sconosciute al grande pubblico. Un palazzo costruito intorno ad una piazza, gli appartamenti del “Papa Lampo”, eseguita la prima opera al mondo ne fanno uno dei più originali palazzi rinascimentali fiorentini.

Il palazzo è sorto delle fondamenta di tre preesistenti medioevali che facevano parte della “Consorteria” delle famiglie Tornabuoni e Tornaquinci; in uno di questi nacque e visse Lucrezia Tornabuoni, la mamma di Lorenzo il magnifico.

Le tre case si affacciavano su di una piazzetta interna, collegata con due chiassi alle adiacenti strade principali ed il grande architetto Michelozzo Michelozzi, su ordine di Giovanni Tornabuoni, prese lo spunto da questa piazza per costruirvi tutto intorno l’attuale palazzo, realizzando lo splendido cortile, che ancora oggi si può ammirare entrando nella sede della Banca Intesa, dal quale si diparte lo scalone che porta ai piani superiori, il tutto in puro stile rinascimentale.

Aleessandro de’ Medici, Arcivescovo di Firenze, da quando ne era divenuto il proprietario, aveva trasferito nel suo palazzo la sede dell’Arcivescovado della città in quanto la vecchia sede di Piazza San Giovanni era stata devastata da un incendio necessitava di lunghi lavori di ricostruzione e di restauro.

Per questo motivo si era circondato nella costruzione e nell’abbellimento del palazzo di valenti artisti come Agostino Ciampelli e Lodovico Cardi detto “il Cigoli”. Mentrre il Ciampelli aveva affrescato diverse sale ispirandosi a storie del Vecchio Testamento, il Cigoli, questa volta nelle vesti di architetto, aveva ristrutturato una precedente loggia posta sull’angolo del palazzo che si affacciava su Via de’ Ferravecchi e Via de’ belli Sporti (attuali Via Strozzi – Via Tornabuoni) che veniva chiamato “canto a Tornaquinci”. La rapida carriera ecclesiastica di Alessandro de’ Medici lo aveva portato ben presto lontano da Firenze. Fu eletto cardinale e si trasferì a Roma portandosi dietro il filo Ciampelli, poi, ormai ottantenne, divenne Papa con il nome di Leone XI. Si trattò però di un pontificato fulmineo di soli 27 giorni (1-27 aprile 1605), talmente “fulmineo” da essere definito “il Papa Lampo” dal popolino dell’epoca.

Il palazzo era nel frattempo passato di proprietà ai Corsi, antica famiglia fiorentina che vantava nella sua storia diversi priori e gonfalonieri della Repubblica. Jacopo Corsi era decisamente il personaggio di maggiore spicco; raffinato mecenate nonché grande appassionato di musica, era solito ospitare nel palazzo quella che venne definita l’Accademia di Musica, una sorta di riunione dei maggiori poeti e musicisti dell’epoca. Come Claudio Monteverdi, Torquato Tasso, Ottavio Rinuccini, Jacopo Peri, Giovanbattista Marino.

Fu proprio nella “Sala delle Muse” che venne rappresentata nel 1594 la “Dafne” con musica del Peri su libretto libretto del Rinuccini; si trattava della prima rappresentazione al mondo del melodramma, che poi si doveva sviluppare in modo più sistematico nella famosa “Sala Bianca” di Palazzo Pitti. Oggi una lapide in Via dei Cordi ne ricorda l’esecuzione.

Quanto alla loggia del Cigoli posta sul “Canto a Tornaquinci”, durante i successivi lavori di ampliamento di Via de’ Ferravecchi, poi denominata Via Strozzi, il lato del palazzo che vi si affacciava venne arretrato di qualche metro lasciando la loggia in una “ingombrante” posizione quasi nel mezzo dell’incrocio con Via Tornabuoni Venne quindi completamente smontata, pezzo per pezzo, e rimontata nell’altro angolo delpalazzo, quello tra Via Tornabuoni e Via dei Corsi, prospiciente Piazza Antinori, dove ancora oggi può essere ammirata.

® Copyright 2019 di: affittibreviafirenze.com
Le foto, i video e il testo pubblicati in questo blog sono di proprietà di: affittibreviafirenze.com, pertanto, è vietato copiare e fare riproduzione NON autorizzata. Gradiremo l’autorizzazione per qualsiasi tipo di utilizzo online e offline.

Lascia un commento

Booking online by Hotel.BB
it_ITItalian
it_ITItalian